/ Approfondimenti / Instabook, nuovo strumento social per incentivare la lettura

Instabook, nuovo strumento social per incentivare la lettura

instabook_387x211
Instabook, nuovo strumento social per incentivare la lettura
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on TumblrShare on RedditEmail this to someone

 

Viene dal team di sviluppatori ARAndroid l’app che consente di scoprire da quale libro sono tratte le citazioni letterarie.

Carneade, chi era costui? Se non è immediato ricordarsi che è una citazione da “I promessi sposi” niente paura, ancora una volta la tecnologia giunge in nostro soccorso. Utilizzando lo stesso concetto di shazam, l’app che riconosce le canzoni e ci evita l’imbarazzo del vuoto di memoria. Ora c’è un’app in grado di individuare velocemente un libro partendo da un estratto. Si chiama Instabook ed è completamente made in Italy.

L’assist giunge dal team di Arandroid developers, sviluppatori per sistemi Android, nato nel 2012 dalla collaborazione di tre ingegneri italiani: Andrea Spostato, Ronny Meringolo e Angelo Ragusa.

instabook_590x211

Non solo, ma alla base dell’app c’è quasi una missione sociale. La diffusione e l’utilizzo di Instabook potrebbero, anzi per i suoi creatori dovrebbero, essere un incentivo per riscoprire i libri. Scaricando Instabook, l’interesse verso una frase può diventare uno stimolo a indagare sul libro e magari ad acquistarlo. Inserendo una frase nella casella di testo – dove è possibile specificare anche l’autore – l’app caricherà i risultati in ordine di pertinenza: un elenco di schede con titolo del libro, autore, descrizione e rating espresso in stelline. Già perché il nuovo strumento è, come vuole la tendenza di oggi, social. E quindi il risultato delle vostre affannose ricerche diventerà un suggerimento per qualcun’altro, e si potrà salvare la citazione in una sezione “preferiti” o anche acquistare il libro su Google Play.

Vita più difficile per i professionisti della citazione, dunque. Ormai la possibilità di verifica immediata delle fonti rende tutti possibili “esattori” della verità. La tecnologia serve anche a questo, a essere più informati ed avere maggiori strumenti di conoscenza. Ed è la ragione per cui oggi è indispensabile essere preparati all’uso di dispositivi ed applicazioni sempre più sofisticati.

Dal 31 ottobre Instabook è scaricabile su Google Play. In base al successo che avrà, potrebbe in seguito arrivare anche sui dispositivi iOS. Insieme a nuove funzioni.

Andrea Martire

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on TumblrShare on RedditEmail this to someone

Commenti

comments

0 COMMENTA

Scrivi qui il tuo messaggio

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>