/ Approfondimenti / Google: arrivano le ricerche offline

Google: arrivano le ricerche offline

ricerca-google
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on TumblrShare on RedditEmail this to someone

L’azienda statunitense ha introdotto un aggiornamento che permette di evitare una perdita di dati in assenza di connessione.

Buone notizie in arrivo da Google per alpinisti, navigatori (di internet e di mari) o persone comuni che, per un qualsivoglia motivo, si trovano a veder interrotte le loro ricerche su Google da un’improvvisa assenza di connessione.

Il colosso di Mountain View ha annunciato da pochi giorni di aver messo a punto un sistema – disponibile per il momento solo sui dispositivi Android – per salvare le ricerche effettuate su Google e mostrarne i risultati non appena la connessione sia  di nuovo disponibile, informando l’utente con una notifica. Il sistema, nei fatti, è un semplice aggiornamento dell’app “Google Search” di Android ma costituisce una piccola rivoluzione nel mondo dei motori di ricerca.   google_connessione

Sinora, difatti, Google non conservava, una volta offline, le chiavi di ricerca inserite, né, tanto meno, continuava a “fare il suo lavoro” in assenza di una connessione. Adesso, grazie a questo aggiornamento, sarà possibile evitare il fastidioso inconveniente, senza avere ripercussioni sul consumo della batteria o sul traffico dati. “Se temete per le spese del traffico dati o per la durata della batteria, non preoccupatevi – rassicura Google – Questa funzione non consuma batteria e per il recupero pagine dei risultati di ricerca ha un impatto minimo sull’uso di dati”.

Alla base della decisione di Google c’è la volontà di semplificare la vita degli utenti che si trovino a utilizzare smartphone o tablet in situazioni di scarsa connessione. Destinatari sono anche – e soprattutto – i cittadini di Paesi emergenti, che utilizzano prevalentemente i dispositivi portatili, più che computer, e si trovano a fare i conti con reti non sempre efficienti.

Lo stesso approccio era già stato utilizzato per Google Maps, che permette la geolocalizzazione in assenza di connessione (da dicembre anche su iOS e ora anche in versione Lite sulle pagine Amp).

Caterina Tani

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on TumblrShare on RedditEmail this to someone

Commenti

comments

0 COMMENTA

Scrivi qui il tuo messaggio

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>