/ Agenda Digitale / Buon lavoro a Riccardo Luna, il nuovo Digital Champion italiano

Buon lavoro a Riccardo Luna, il nuovo Digital Champion italiano

Riccardo Luna
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on TumblrShare on RedditEmail this to someone

Il nuovo Digital Champion italiano è Riccardo Luna, giornalista e saggista, primo direttore di Wired Italia e poi alla guida di numerose iniziative (non solo editoriali) improntate all'innovazione in chiave digitale, non ultima la Maker Faire, che dal 3 al 5 ottobre invaderà l'Auditorium Parco della Musica di Roma. Nei giorni scorsi Luna è stato a San Francisco, a seguito del presidente del Consiglio Matteo Renzi, impegnato in una serie di incontri con i vertici di Google, Twitter e Yahoo! ed oggi, 29 settembre 2014, si presenta ufficialmente a Bruxelles come Digital Champion italiano.

CHI È RICCARDO LUNA
Classe 1965, Luna succede nella carica di Digital Champion ad Agostino Ragosa e Francesco Caio. Il suo impegno come divulgatore nel settore dell'innovazione digitale lo ha portato a proporre l'assegnazione per Premio Nobel per la Pace a Internet. Il suo motto, nonché titolo di un suo recente libro è “Cambiamo tutto!”. Oggi riconosce, in una intervista a Wired Italia, che in questi anni in un certo senso ha già fatto il Digital Champion, “cercando di far diventare più importante e popolare l'innovazione, connettendo le storie e portandole alla ribalta, a volte anche con veri progetti, come Open Expo”.

CHE FA IL DIGITAL CHAMPION
In virtù del nuovo incarico Riccardo Luna dovrà promuovere lo sviluppo della cultura digitale e ridurre il divario tra generazioni, classi sociali e aree del Paese. Come ambasciatore dell'Agenda digitale italiana promuoverà la diffusione della tecnologia e della cultura tecnologica. Il suo compito, tutt'altro che facile, sarà quello di conciliare le esigenze e le posizioni di imprese, società civile, governo italiano e Unione Europea. Come detto, la sua avventura inizia proprio oggi: Luna è infatti a Bruxelles per il primo incontro con i suoi omologhi, i Digital Champions degli altri Paesi europei, davanti alla commissaria uscente per l'Agenda digitale, Neelie Kroes. Si parlerà anche della Carta di Venezia per la nascita di un mercato unico digitale nel Vecchio Continente, lanciata lo scorso luglio dal presidente del Consiglio italiano.

IL TEAM DEL DIGITALE
Il Digital Champion italiano ha subito annunciato l'intenzione di “fare squadra” con gli altri “digital angels” di casa nostra: a cominciare dalla numero uno dell'Agenzia per l'Italia digitale, Alessandra Poggiani, dal presidente del Comitato d'indirizzo dell'Agenzia, il deputato di Scelta Civica Stefano Quintarelli, e da Paolo Barberis consigliere di Matteo Renzi per l'innovazione, assieme a Luna nel board di Italia Startup.

LE PRIORITÀ
Riccardo Luna ha le idee chiare sulle linee d'indirizzo del suo mandato: digitale e innovazione come strada maestra per il rilancio dell'occupazione, investimenti sulle infrastrutture per eliminare il digital divide e intensificazione del sostegno a percorsi di istruzione e formazione per lo sviluppo delle competenze digitali.

IL SITO
Appena saputo della nomina, Luna ha realizzato un sito, www.digitalchampions.it, che dice molto sul suo modo di interpretare l'incarico. Il primo contenuto è una “chiamata alle armi” a potenziali digital champion locali con lo scopo di averne idealmente uno in ogni comune italiano. Chi è impegnato nello sviluppo in chiave digitale di politiche, e di pratiche a favore di scuola, pubblica amministrazione, imprese e anziani è il benvenuto.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on TumblrShare on RedditEmail this to someone

Commenti

comments

0 COMMENTA

Scrivi qui il tuo messaggio

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>